domenica 9 dicembre 2012

Barszcz wigilijny z uszkami/Zuppa di barbabietole con tortellini ai funghi

La Vigilia di Natale si avvicina quindi è arrivato il momento per presentarvi uno dei piatti tradizionali polacchi.
In quel giorno sulla tavola  nella maggior parte delle famiglie polacche, tra cui la mia, non può mancare la zuppa di barbabietole rosse (barszcz) servita con tortellini ai funghi detti "uszka" (piccole orecchie).
Questo piatto può essere ottimo anche nelle fredde giornate invernali, proprio come in questi giorni.





Per preparare la zuppa di barbabietole (barszcz) occorrono:
  • 1 carota
  • 1/2 gambo di sedano
  • 1 cipolla media
  • 4 barbabietole rosse
  • 1-2 spicchi d'aglio
  • 2 foglie di alloro
  • prezzemolo
  • 1 cucchiaino di sale
  • 2 cucchiai di succo di limone
  • zucchero
  • 1 cucchiaino di maggiorana
  • pepe macinato
  • 2 litri d'acqua
  • inoltre il decotto di funghi preparato a parte (istruzioni nel testo davanti)

Sbucciate tutte le verdure, tagliate a piccoli pezzi la carota e le barbabietole e mettete tutto in una pentola coprendolo con 2 litri d'acqua. Quando acqua bolle aggiungete: un pizzico di sale, aglio, alloro, prezzemolo e maggiorana e fate bollire tutto sotto un coperchio per 1 ora circa a fuoco lento. Quindi filtrate il brodo e aggiungete mezzo bicchiere di decotto di funghi (vedi le istruzioni più avanti) e regolate con il sale, pepe succo di limone e un pizzico di zucchero.
Portate di nuovo tutto a ebollizione e spegnete il fuoco.
Se avete il tempo, potete preparare il barszcz un giorno prima così sarà più saporito.





Ecco le indicazioni per preparare uszka che servirete con la zuppa!

Ingredienti per il ripieno di uszka (circa 50 orecchiette)
  • 40 grammi di funghi secchi
  • 500 grammi di funghi champignon
  • 1 cipolla
  • sale
  • pepe
  • olio d'oliva oppure burro

Ingredienti per la pasta:
  • 500 grammi di farina
  • 1 uovo
  • 200 ml circa d'acqua calda ma non bollente
  • sale
Sciacquate i funghi secchi sotto l'acqua corrente e metteteli in ammollo per circa 1 ora. Quindi cuoceteli nella stessa acqua, sul fuoco basso per 1 ora circa, dopodiché scolate i funghi e tenete a parte l'acqua della cottura perché la riutilizzarete per preparare il barszcz.
Nel frattempo sbucciate e tritate finemente la cipolla, lavate e pulite i champignon e tritate anche essi.
Con poco d'olio o burro rosolate la cipolla, aggiungete i champignon e i funghi cotti, e rosolate tutto per qualche minuto. Aggiungete poco di sale e pepe. Passate questo composto per tritatutto e se serve regolate ancora con sale o pepe.




Su di una spianatoia mescolate la farina, l'uovo ed il sale, aggiungete poco alla volta l’acqua calda, un pizzico di sale e impastate.
L’impasto è pronto quando non si attacca alle mani o alla spianatoia.
Dividete l’impasto in quattro parti e stendete ciascuna finemente. Ritagliate dei quadrati di circa 5 cm. Mettete un cucchiaino di ripieno in ciascun quadrato, piegate a metà dandoli forma di triangolo, chiudete i bordi e ripiegate le due punte. Cuocete gli uszka in acqua salata per 3 minuti circa, saranno pronti quando galleggiano.
Dividete gli uszka sui piatti e coprite con il barszcz.









9 commenti:

  1. Ciao non conoscevo questo piatto con una zuppa di barbabietola, conoscevo solo il bortsch. Grazie e ciaoooo ovviamente la provo...

    RispondiElimina
  2. ho assaggiato questo piatto un mese fa circa a Krakow. sono uno spettacolo. proverò sicuramente a farli :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Antonio! sono contenta che ti era piaciuto il barszcz! Hai assaggiato altri piatti tipici per la cucina polacca?

      Elimina
  3. si si ne ho assaggiati diversi. Non mi ricordo i nomi perché sono complicati :-)
    Questo è quello che mi ha colpito di più soprattutto per l'aspetto. Il brodo rosso è davvero strano. Oggi compro tutti gli ingredienti e prova a farlo. Tutti dicono che in Italia si mangia bene ma sinceramente credo che ogni posto ha le sue prelibatezze. Io ho apprezzato molto la vostra cucina ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Antonio, sono davvero contenta!

      Elimina
  4. Mamma mia..mi sembra di averli mangiati ieri..e invece sono passati anni da quando sono venuta in Polonia..Natale 2000! Buoni buoni!
    Proverò a rifarli ora che ho trovato la ricetta qui!
    A presto
    Jess

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero sono molto particolari ma i più buoni sono quelli preparati per il giorno della Vigilia di Natale. Purtroppo mi rendo conto che i piatti preparati qui in Italia hanno sempre un sapore diverso. Sicuramente dipende dagli ingredienti. Sarebbe ottimo se trovassi le barbabietole fresche ma quelle mi sa che in Italia non si trovano facilmente.

      E grazie per la visita e il Tuo commento Jess :)

      Elimina
  5. Non capisco perche tordelli non cuocere dentro zuppa

    RispondiElimina